Proposte per il benessere della famiglia: “Ecco cosa può fare l’Amministrazione”

Proposte per il benessere della famiglia: “Ecco cosa può fare l’Amministrazione”

Al di là degli interventi economici, di cui abbiamo già ampiamente parlato, la prossima amministrazione dovrà rendersi protagonista anche con interventi di sostegno e di supporto alle famiglie, sopratutto alla luce del periodo segnato dalla pandemia e delle ripercussioni che si sono verificate sui minori”, con queste parole il candidato sindaco Giampaolo Lavagetto ha introdotto la conferenza, che si è tenuta ieri in Piazza Garibaldi, sul tema della “Genitorialità Positiva: proposte di intervento istituzionale per il sano sviluppo del minore nella società”

Relatrici le candidate consigliere della lista “Per Parma 2032” Emmadesiree Ciaburri Galasso (docente), Paola Boeti e Anita Guazzo Gerardi (avvocati). “Il benessere circolare – spiega la Ciaburri Galasso – parte dalla famiglia; con il Covid i minori hanno bisogno di essere ascoltati e serve avere la figura delle psicologo a scuola”. L’avvocato Anita Guazzo evidenzia la necessità di incrementare i servizi educativi tramite la collaborazione pubblico-privato: “L’obiettivo è prevenire i disagi e quindi le crisi a cui può andare incontro la famiglia. Possiamo prendere esempio da ciò che è stato fatto in Pedemontana e avviare un progetto di consulenza di pareri legali a prezzi calmierati”; mentre l’avvocato Paola Boeti ha parlato della necessità di “incrementare i servizi del Comune con nuove figure come quella del coordinatore genitoriale, solitamente psicologico o avvocato, cui le famiglie possono rivolgersi per sedare il conflitto nella fase di separazione. Oltre a bandi comunali che assegnino ai genitori virtuosi, che versano il mantenimento e che escono dal nucleo familiare, alloggi a prezzi calmierati. I conflitti derivano anche da impoverimento conseguente alla separazione”.